• Nessun messaggio da mostrare.

Calendario consulenze ed eventi

Nessun evento
Agosto 2019
L M M G V S D
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Ultimi articoli pubblicati




test psicologici in vendita TEST PSICOLOGICI, come nuovi, vendo
clicca qui per dettagli, prezzi e contatti
test psicologici in vendita
Benvenuto, Ospite
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: CIBO ED EMOZIONI

CIBO ED EMOZIONI 26/12/2016 02:52 #1

  • Avatar di Zox
  • Zox
Sono una ragazza di 25 anni e ho l'ovaio policistico. So che dovrei seguire una dieta a basso indice glicemico, ma non ce la faccio. Mi piace molto mangiare, però non mangio quasi mai per fame, vado più a "emozioni" diciamo, quando sono nervosa, triste, arrabbiata, stressata, ecc..
Raramente mangio per fame, ma quando capita e la fame inizia a placarsi, io continuo a mangiare ugualmente fino a sentirmi troppo piena. Spesso, quando sono a cena fuori, prendo anche il dolce anche se magari non mi va, però lo mangio lo stesso.
In più, oltre all'ovaio policistico, ho avuto problemi di pancia e stomaco per un'intossicazione da cibo, e ora risulto intollerante ad alcuni alimenti.. Il problema è che non riesco a farne a meno. Ci ho provato, mi hanno fatto una dieta specifica per le mie intolleranze, ma non l'ho portata a termine perché non mi sento del tutto soddisfatta a mangiare quello che mi propone la dieta, e non perché non mi piaccia..
Io sono sempre stata magra, ora ho preso qualche chiletto ma niente di esagerato, però ho paura di diventare obesa in futuro o magari avere altri problemi alimentari.. Visto che tra l'altro non mi sento neanche motivata a fare nè palestra nè altri sport.
Scusate il papiro!!!

CIBO ED EMOZIONI 27/12/2016 11:43 #2

  • Avatar di Anna Mostacci
  • Anna Mostacci
Buongiorno gentile Signorina,
gestire le emozioni scomode attraverso il cibo è un modo per non ascoltarsi, per non prendersi cura di queste emozioni e per Lei che soffre anche fisicamente per la sua malattia, è un modo per agevolare la malattia stessa. La mancanza di motivazione potrebbe essere riconducibile ad una resa che Lei stessa sta attuando per non attivarsi principalmente per tenere sotto controllo la malattia e da lì trovare la forza e il senso per liberarsi da uno stile alimentare e di vita incongruo. Per risolvere è necessario intraprendere una psicoterapia. Questo significherebbe dare valore e spazio anche al messaggio profondo che il suo corpo le sta mandando. Spero di averle fornito qualche spunto di riflessione.
  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.210 secondi
Powered by Forum Kunena