• Nessun messaggio da mostrare.

Calendario consulenze ed eventi

Nessun evento
Luglio 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4

Ultimi articoli pubblicati




test psicologici in vendita TEST PSICOLOGICI, come nuovi, vendo
clicca qui per dettagli, prezzi e contatti
test psicologici in vendita
Benvenuto, Ospite
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: Narcisismo o semplice rottura?

Narcisismo o semplice rottura? 16/02/2019 13:54 #1

  • Avatar di Anonimi
  • Anonimi
Buongiorno, le scrivo riguardo la mia situazione sentimentale. Sono stata fidanzata per sette anni, un rapporto abbastanza altalenante e difficile, le spiego meglio.
Fin dall' inizio procedeva tutto regolarmente poi pian piano sono subentrati dei problemi caratteriali da parte del mio partner. Ammetto di avere un carattere particolare ma ho sempre avuto rispetto per il prossimo però questo non giustifica alcune reazioni da parte sua. So bene che dovevo stoppare sin dall'inizio perché ad ogni litigata un po' più pesante lui è ricorso a violenza fisica e verbale e per 7 anni è sempre andata così ad ogni litigata, nonostante io non facessi chissà quali grandi sbagli, tipo impiegare del tempo in più nel prepararmi per uscire o avere modi burberi in alcune occasioni. Nel corso di questi anni ci sono stati spesso da parte sua dei periodi di pausa e di riflessione che io da persona matura ho anche cercato di accettare tornando ogni volta al punto di partenza, ammetto di essere cambiata e maturata ma lui resta sempre al punto di inizio. Spesso e volentieri ho scoperto anche di alcune sue uscite di nascosto con amici, ma ho perdonato sempre tutto. Lui due anni fa ha attraversato un periodo di psicosi momentanea durato 5/6 mesi, dovuti al passaggio da "dipendente" a "responsabile" nel negozio dove lavorava ed anche ad un periodo difficile in casa, in quanto la sorella è bipolare. Io non l ho mai abbandonato, mi sono annullata per stargli accanto ma l ho fatto perché ci tenevo tanto. C'è da premettere che la situazione familiare non è delle migliori in quanto la madre è vedova, il padre ha avuto un passato di schizofrenia ed è stato spesso ricoverato in varie strutture. Dopo questo periodo sembrava essere cambiato finché alle prime discussioni e alle prime leggerezze non ha di nuovo ricominciato con gli stessi comportamenti di prima. Ha sempre cercato di tirare la colpa su di me dicendo che io ero la causa del suo stress anche non facendo chissà quali enormi sbagli. Adesso a distanza di molto tempo dopo un weekend insieme in cui siamo stati benissimo decide di telefonarmi e dirmi di sentirsi confuso e di non tenerci più e che vuole un'ennesima pausa di riflessione. Solo che la modalità è molto particolare; è completamente scomparso dalla circolazione, io mi sono fatta sentire nella prima settimana ma mi aggredisce solo verbalmente invece di parlare con la calma. Non ci siamo visti da vicino e mi risponde solo con brutte parole, è quasi come se non gli importasse piú di nulla. Continua a screditarmi a gettare colpe su di me e non vuole critiche. Inoltre mi rinfaccia di non aver mai fatto nulla in quel periodo in cui lui è stato male e avendo subito io da poco un piccolo intervento delicato, dice che per due mesi mi sono lamentata inutilmente per un problema di salute. Me ne dice di tutti i colori e non so come rimediare alla situazione se non con il silenzio totale. Le voglio chiedere se questo possa essere un eventuale disturbo di personalità dato che io non sto capendo più nulla in questo periodo che sembra non terminare mai, sono assalita da mille dubbi e mille domande ai quali non trovo nessuna risposta. Mi ha bloccata su tutti i social però tiene ancora tutte le foto insieme compresa quella di WhatsApp e non ha detto a nessuno che ci siamo lasciati o che ci siamo allontanati. Sembra quasi come se mi avesse presa come valvola di sfogo e avendo la sua password di Instagram a sua completa insaputa, (è un Social che utilizza parecchio), purtroppo noto che altre ragazze non ce ne sono, mi sarei accorta anche di una minima piccolezza. Nel lavoro e con la famiglia e le amicizie lo vedo normale il problema sono io. Mi è sorto il dubbio anche di una personalità narcisistica, perché mi sono posta molte domande dopo aver fatto su me stessa un'accurata analisi di coscienza e sono venuta alla conclusione di non aver fatto chissà quali grandi sbagli e questa cosa la ammette anche lui, dice che sono solo piccolezze. Si comporta quasi come se gli avessi fatto un tradimento o un torto perché è come se mi odiasse totalmente. Mi spiace se mi sono dilungata tanto ma spero di ricevere delle risposte.
Grazie per l'attenzione.
  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.193 secondi
Powered by Forum Kunena